Cos’è

L’Hospice è una struttura socio-sanitaria in grado di ospitare persone non assistibili presso il domicilio in fase avanzata e terminale di una malattia ad andamento irreversibile, non più suscettibile di trattamenti specifici per la guarigione o per il contenimento della progressione della malattia.

L’obiettivo principale dell’Hospice è accompagnare la persona e la sua famiglia nell’ultima fase della vita, nel pieno rispetto della dignità mediante il controllo del dolore e del disagio fisico e psichico.

La nostra Fondazione gestisce attualmente un Hospice a Sesto San Giovanni.

Scarica la Carta dei servizi

Come funziona

I malati risiedono in camere singole, tutte con bagno, che possono essere parzialmente personalizzate, dotate di poltrona letto per permettere la presenza continua da parte di un familiare, al quale è garantita la possibilità di consumare i pasti col proprio parente.

E’ garantita 24 ore su 24 l’assistenza medica, infermieristica e assistenziale necessaria alla situazione di ogni malato.

L’equipe che si prende cura quotidianamente dei malati, composta da personale esperto e preparato, è costituita da medici, infermieri professionali, operatori socio sanitari, psicologo, assistente sociale, volontari, assistente spirituale, ed è organizzata in modo da offrire in ogni momento risposte, assistenza e cura ai bisogni e ai desideri di ogni malato e della sua famiglia.

I familiari e gli amici possono far visita ai malati in qualsiasi orario della giornata.

I degenti dell’Hospice possono usufruire degli spazi comuni dell’adiacente RSA (bar, cappella, giardino, ecc.)  e inoltre vi è l’uso esclusivo di un giardino pensile di pertinenza.

Servizi aggiuntivi

Vengono inoltre forniti i seguenti servizi di supporto:

  • segretariato sociale;
  • podologia;
  • parrucchiera e parrucchiere;
  • ricezione di telefonate private a favore degli ospiti dalle ore 9.00 alle ore 19.00;
  • assistenza religiosa

Come accedere

Per accedere all’Hospice è necessario compilare la modulistica che trovi nella pagina dell’Accoglienza.

La struttura